edificio unifamiliare BL

Pergine Valsugana, Trento
2011 - 2014

progettazione

Elisa Burnazzi, Davide Feltrin, Paolo Pegoretti

cliente

privato

foto

Carlo Baroni

 

L'edificio unifamiliare BL si trova nella zona nord del Comune di Pergine, su di un terreno mediamente piano. Dall’area si gode una bellissima vista sul castello e sulla chiesa arcipretale di Pergine, sul gruppo del Brenta e altri rilievi minori; il soleggiamento è ottimale per tutto l’anno, permesso sia dai profili montani che dagli edifici circostanti. Il progetto prevede la ristrutturazione edilizia e ampliamento di un edificio degli anni '60, su due piani più soffitta, per adattarlo alle esigenze dei nuovi proprietari. Il volume è costituito da un corpo di fabbrica di tre piani fuori terra. La particolarità del luogo e dell'edificato esistente, hanno suggerito di rendere molto compatto, basso e articolato il volume costruibile. Si sono volute ridurre visivamente le dimensioni e l'impatto del fronte principale, usando le logge invece dei balconi e trattando parte del secondo piano, destinato a copertura con falde, come uno spazio aperto con veranda.
All’esterno l’intervento è caratterizzato da grandi aperture vetrate protette; esse permetteranno sia di beneficiare del contributo solare in inverno e di proteggersi dal surriscaldamento estivo, sia di godere a pieno del bellissimo panorama. Sulla copertura a falda della veranda, troveranno posto i pannelli solari, posizionati secondo la pendenza della copertura, per garantire un impatto visivo praticamente nullo.
I prospetti, le tende esterne, gli infissi basso emissivi in legno e alluminio, presentano un'unica cromia, il bianco, non presente in nessuna delle singole tinte presenti sugli edifici vicini. La loro sommatoria è rappresentata proprio dal colore bianco la cui caratteristica è di contenere tutti i colori dello spettro elettromagnetico e quindi del contesto. L'alloggio ha il piano interrato destinato a cantine e locale tecnico, il piano terra dotato di garage, ingresso con zona armadi, deposito ed il piano primo caratterizzato dall'alloggio della famiglia. L'elemento di collegamento verticale, la scala, nella posizione baricentrica in cui si trova permette di valorizzare appieno la superficie destinata all'alloggio.
L'obiettivo di un edificio a risparmio energetico viene raggiunto anche attraverso la razionalizzazione della distribuzione interna, dotando il volume di grandi aperture a sud-est per sfruttare il più possibile i vantaggi del soleggiamento in periodo invernale, proteggendosi nel contempo dal surriscaldamento estivo mediante l'uso delle logge.